Focaccia alle patate

focaccia_alle_patate

Tra i vari premi Nobel che vorrei istituire e assegnare, se volessimo limitarci al solo campo gastronomico ci sarebbe un podio affollatissimo, bisognerebbe fare degli scalini a castello perché ci sarebbe sicuramente un ex aequo al primo posto: a pari merito gli “inventori” di pane, pizza e pasta. Molto poco originale nelle mie preferenze, certo, ma sono sicura che incontrerò il consenso di moltissimi di voi! Qualche volta vorrei trovare una clinica che mi disintossichi dalla dipendenza da carboidrati, ma non credo che esistano, oppure me le immagino un po’ come quelle cliniche in cui si fanno quelle diete drastiche, per un seppur breve periodo, ma dove si muore di fame e paghi anche tanto. Solo che, se ti guardi un po’ intorno, vedi un pullulare di pasticcerie, drogherie, forni, supermercati e tanti altri luoghi di perdizione … Come se non bastasse già la mia passione innata per i carboidrati, qualche giorno fa ero a casa di  mia madre nel pomeriggio, quando suona il campanello: era mia cugina Tiziana, ricordate? Ci ha già fornito qualche ricetta, guardate qui. Speravo fosse una visita di cortesia e invece sfoggia subito un vassoio rotondo dove troneggiava questa focaccia ancora calda che vedete sopra. Primo pensiero la foto! Esproprio il telefonino a mio nipote per una buona causa e scatto un paio di foto poco prima che sia giustamente tagliata a spicchi per essere assaggiata.

Ora: erano le 17 – 17,30, non avevo mangiato la mia dose quotidiana di pasta, l’astinenza si era già fatta sentire, ma era stata debitamente repressa, ma adesso non potevo fare a meno di assaggiare questa che prometteva di essere una buona “merendina”, anche perché poi dovevo testarla per il sito!!!!! Ok, lo so, è una scusa a cui ormai non crede più nessuno. Mi sono limitata ad uno spicchietto modesto anche se, sarei stata capace di molto di più. Ottima, soffice anche per il contributo delle patate e resa ancor più appetitosa dal mix di rosmarino – olio – sale. Ecco, una volta che ero riuscita ad evitare i carboidrati a pranzo, i carboidrati mi hanno inseguito e … raggiunto, allora ditelo!!

INGREDIENTI:
farina 00
350 gr.
patate
150 gr.
lievito di birra 25 gr.
olio e.v.o.
80 gr.
acqua
200 gr.
sale fino
15 gr.
sale grosso
q.b.
rosmarino

PREPARAZIONE:
In una ciotola sbriciolare il lievito con la farina. Aggiungere le patate lessate e schiacciate  e impastare con l’acqua salata e l’olio per 8 minuti. Coprire la ciotola con una busta di plastica e far riposare per 30 minuti. Stendere l’impasto in una teglia unta d’olio, con le dita sulla superficie formare tanti piccoli incavi e far nuovamente lievitare per 30 minuti. Solo prima di infornare cospargere la pizza con sale grosso e rosmarino fresco tritato. Cuocere in forno caldo a 200° C per 20 – 30 minuti.

mdg_2

“Bobo merenda” – Enzo Jannacci

altre ricette simili

CONDIVIDI
FacebooktwitterpinterestmailFacebooktwitterpinterestmail
SEGUI
FacebooktwitterpinterestFacebooktwitterpinterest
4 Commenti
  1. @ franca
    è una focaccina semplice-semplice, ma utile per molte occasioni diverse: da tener presente!!!

  2. Ciao Kris, ieri giornata tipica di novembre, luce accesa per tutto il giorno, che malinconia!!!! e poi mi viene in mente di aprire ANGIOLETTO e la focaccia mi ha fatto passare il grigiore che mi circondava, mi sono messa in cucina e via la focaccia a mezzogiorno era in tavola e mi è venuta una favola. Grazie per la ricetta, strepitosa!!!!!!!!!!!!!!!

  3. @angioletto tiziana
    grazie per l’inaspettata merenda a base di focaccia e a prestissimo con le prossime ricette …

  4. beh confermo che questa pizza è veramente buona e più ne faccio e meglio vengono. aggiungerei qualche consiglio: se non avete disponibile il lievito di birra va bene anche quello secco (una bustina al posto di un cubetto) ma il riposo dell’impasto andrebbe fatto in forno precedentemente riscaldato a 50° e poi spento. Prossimamente altre ricette.

Leave a Reply