Panini al sesamo

panini_al_sesamo

La colpa è sempre sua, di Lucia ;) che spesso organizza convivi a cui noi, suoi amici, rispondiamo invariabilmente “Yes, we can!” o anche “Yes, week end” perché generalmente il tutto si svolge di sabato sera. In una di queste ennesime occasioni, come se non bastasse tutto il resto, oltre alle altre portate (naturalmente qui immortalate), aveva fatto anche questi panini al sesamo per cui un po’ tutti ci siamo accapigliati. Il panino di cui alla foto era l’unico sopravissuto (infatti aveva già la sindrome della particella di sodio) al momento in cui ho realizzato che diversi cestini di panini erano spariti miracolosamente in pochi secondi, senza neanche lasciarmi il tempo di tirare fuori la macchina fotografica dalla borsa. Ho minacciato pericolosamente l’ennesima mano che si stava avventando sull’ultima deliziosa treccina al sesamo e sono riuscita ad immortalarla “just in time”, dopodiché adieu… Noi carboidrati-dipendenti non scherziamo mica, specie quando si tratta di pane! N.B. Consiglio spassionato: non pensateli come pane comune, non riempiteli con tante cose dentro, vivono di luce e… calorie proprie!

INGREDIENTI:
farina lievitata 300 gr.
olio extravergine d’oliva 20 gr. +
acqua tiepida 130-140 gr.
sale un cucchiaino
zucchero mezzo cucchiaino
semi di sesamo

PREPARAZIONE:
In una zuppiera unire farina, olio, zucchero, sale ed acqua tiepida e formare una pasta morbida da dividere in 10 pezzi (circa 50 grammi per panino). Prendere ogni singolo pezzetto di pasta e dopo averlo allungato a mo’ di grissino arrotolarlo nei semi di sesamo e formare una treccina. Adagiare i panini (non troppo vicini) in una teglia su carta da forno. Irrorare i panini con un filo d’olio e infornare a 175° (forno ventilato) per 25 minuti. Irrorare di nuovo i panini con un filo d’olio e infornare per altri 5 minuti.

mdg_2

“We Belong Together” – Mariah Carey

altre ricette simili

CONDIVIDI
FacebooktwitterpinterestmailFacebooktwitterpinterestmail
SEGUI
FacebooktwitterpinterestFacebooktwitterpinterest
Leave a Reply