Pizzette al rosmarino

pizzette_al_rosmarino

Eccoci alla ricetta “sopra la freccia” … Come dicevo nell’articolo di ieri, non ho avuto l’accortezza di fotografare separatamente i cascioni e le pizzette di una delle ormai famose cene di Lucia. Niente di grave: direi che da quello che si vede potete già capire che anche questa ricetta è sicuramente “interessante” ;) e io, che l’ho sperimentata con molto piacere in prima linea, posso dire che forse poteva anche avere maggiore spazio e gloria in una cena che è stata il trionfo della bontà, e non parlo di quella del libro “Cuore” … Tutte le portate si superavano a vicenda, ma era solo una questione di ingresso, una sorta di “chiodo scaccia chiodo” culinario, il solo problema era che c’erano troppi “protagonisti” nella stessa serata.

Per quanto riguarda queste pizzette quindi, se le farete in una cena non troppo “affollata” di bontà o in occasione di qualche festa di compleanno o un party per grandi o piccini che siano, vi consiglierei di tagliarle in due e farcirle con salame, o prosciutto crudo, o stracchino e rucola o … quello che vi viene in mente, più o meno. Si prestano tantissimo anche a diventare degli ottimi e bellissimi tramezzini: se le avete fatte abbastanza grandi, tagliatele in due ricavandone due simpatiche mezzelune, se avete avuto l’accortezza di farle piccoline saranno bellissime già così, monodose …

INGREDIENTI:
farina
00 500 gr.
lievito di birra 25 gr.
acqua 200 gr.
latte 100 gr.
olio evo 20 gr.
sale 10 gr.
zucchero 10 gr.
rosmarino 2 rametti

PREPARAZIONE:
Sulla spianatoia impastare la farina, il lievito sciolto nel latte tiepido, l’ acqua tiepida, l’olio, il sale, il pepe e lo zucchero e lasciare lievitare per circa un’ora in luogo caldo. Stendere l’impasto con un mattarello fino allo spessore di ½ cm e tagliare le pizzette con una tazza o con una rotella per pasta. Disporre le pizzette in una teglia su carta da forno e irrorarle con un filo d’olio, sale e qualche ago di rosmarino. Bucherellare con una forchetta e cuocere per 10 minuti in forno ventilato a 200° C.

mdg_2

“How high the moon” – Gloria Gaynor

altre ricette simili

CONDIVIDI
FacebooktwitterpinterestmailFacebooktwitterpinterestmail
SEGUI
FacebooktwitterpinterestFacebooktwitterpinterest
3 Commenti
  1. …prima o poi DEVO provare a farne qualcuna!!!!…è tanto che non mi dedico alla cucina!!…;-)

  2. Certo Coccy, qui le ricette sono “belle e possibili” …

  3. gnam…buone!!!!…e non sembra neanke tanto complesso farle….

Leave a Reply