Fusilli tonno e ricotta

fusilli_tonno_e_ricotta_2

E si è fatto vivo anche l’amico Robix (!) con una ricettina “spic & span” o “presto e bene” (liberamente tradotta). E’ un po’ che mi diceva che cominciava a prenderci gusto a spignattare e fare qualche piatto semplice ma gustoso e io continuavo a ripetergli di farmeli vedere con foto e ricetta, altrimenti non ci credevo!!!! 😉 Addirittura mi ha anche detto che l’ispirazione l’ha presa parecchi anni fa da Vincenzo Buonassisi che conduceva la trasmissione TV l’Almanacco del giorno dopo. Era una trasmissione che andava in onda intorno alle 19.45, prima del TG1 e iniziò nel 1976 con le immagini in bianco e nero che poi diventarono colorate. Io me lo ricordo benissimo e con molto piacere, come credo molti di voi. Aveva una sigla “medievaleggiante” e molto accattivante (il cui titolo trovate naturalmente qui sotto, come “Musica da gustare”) e si guardava molto volentieri perché era breve e conteneva tante piccole rubrichette (“Il santo del giorno”, “Accadde domani”, “Fatelo da voi”, “Dalla parte degli animali” ecc. ed in particolare “In cucina”, quella che mi piace più ricordare adesso. La cucina, le ricette e l’enogastronomia in generale, non erano state ancora così spettacolarizzate come adesso e Vincenzo Buonassisi fu tra i primissimi che riconobbero la potenzialità che poteva avere una ricetta raccontata da un giornalista come lui e contemporaneamente realizzata e ripresa per gli spettatori. Buonassisi, giornalista del Corriere della Sera si era occupato di musica lirica e successivamente fece anche il critico televisivo, ma tutti lo ricordiamo per quei minuti piacevoli con cui ci accompagnava fino all’ora di cena, spesso decretata dall’inizio del TG1.

Un po’ a causa della fascia oraria, ma molto a causa del suo modo di essere, Buonassisi era riuscito ad entrare nelle case con un garbo e una piacevolezza che oggi proprio non riesco a ritrovare in nessuno di coloro che fanno televisione, che tentano di farsi largo a sgomitate e alzando immancabilmente la voce: Buonassisi si era fatto largo in maniera molto discreta, ma oggi lo ricordiamo ancora in molti, degli “strilloni” non so se potremo dire lo stesso in futuro… Grazie Robix di aver rispolverato questi ricordi che scaldano il cuore, e come ho fatto io, andate a riascoltare la sigla e anche a vedere diverse puntate dell’Almanacco del giorno dopo dal solito, inesauribile, incredibile YouTube, potere della rete …

INGREDIENTI: (per 4 persone)
fusilli bucati corti 350 gr.
tonno all’olio 160 gr.
ricotta di mucca 200 gr.
olio e.v.o.
cipolla
sale
pepe
prezzemolo
(facoltativo)

 

PREPARAZIONE:
In una terrina impastare con una forchetta la ricotta con il tonno sgocciolato, mettere a filo l’olio fino ad ottenere una crema molto morbida, aggiungere un po’ d’acqua di cottura della pasta se è necessario fluidificare il composto. Mettere nell’impasto anche un paio di gocce di succo di cipolla spremuta, oppure mezza cipolla tritata finemente, quindi  aggiustare di sale e pepe. Cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolarla, versarla nella terrina ed amalgamare il tutto, volendo si può fare un’aggiunta finale di prezzemolo tritato.

mdg_2

“Chanson Baladée” (sigla della trasmissione TV “Almanacco del giorno dopo”) – Antonino Riccardo Luciani

SCOPRI!!!

NON IMPEGNANO

GLI ANGIOLETTI

CERCA UNA RICETTA

Scrivi il titolo di una ricetta, completo o parziale per trovare quella che cerchi

Accedi

Registrati

* i campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori