angioletto che cucina m

accedi o registrati

 

Insalata ricca

insalata_ricca

Dice: “Stasera sto leggera, mangio un’insalatina…” Non questa, però… Questa insalatina è una vera libidine e usurpa un po’ tutte quelle caratteristiche salutistiche-igienistiche che di solito si attribuiscono, almeno in teoria, ad un’insalata. Quando decido di fare una bella spesa grande o che comprende delle cose particolari, prendo, parto e vado all’Auchan (tanto per non fare nomi e cognomi) che sta a 5 – 6 km. da casa. Cerco di evitare fino all’ultimo, ma, talvolta, non se ne può fare a meno, specialmente in occasione di Natale e di qualche altra festa in cui, se vai, trovi un po’ tutto ed eviti di spezzettare spesa e tempo in tanti negozi diversi. Mi succede anche quando cerco dei prodotti etnici o qualche ingrediente particolare che ho letto in qualche ricetta su Internet e che scatena la mia fantasia… In barba a tanti studi sociologici, voglio dirvi cosa succede a me in queste occasioni, poi sarò ben contenta se vorrete dirmi se questo è condiviso anche da altri di voi, lì dietro al monitor… Devo dire che sono particolarmente ricettiva a pubblicità, packaging e disposizione dei prodotti in vendita: sì, insomma, come dico sempre, una vera “pacchia” per pubblicitari e venditori di qualche tipo. Però non è propriamente così: la stessa sensibilità a percepire messaggi, colori e proposte subliminali, si risolve anche in un’ipercriticità che premia solo una combinazione di soluzioni indovinate. In definitiva una serie infinita di cose contribuiscono all’acquisto di un prodotto: un packaging piacevole alla vista ma che soprattutto descriva bene il prodotto, gli ingredienti, provenienze, scadenza ecc., praticità della confezione come quantità e chiusura  (adoro le monoporzioni…), l’igienicità, il prezzo (!), l’originalità nel senso che mi piace provare cose mai assaggiate, la pubblicità fatta bene, non scontata e non volgare, il posizionamento del prodotto all’interno del supermercato (purtroppo!).

Arriviamo alla ricetta di oggi: nel supermercato di cui sopra, l’ultimo grande reparto prima dell’uscita, è quello di frutta e verdura. C’è una varietà molto nutrita di insalate di tutti i tipi e in tutti i tipi di confezione, poi frutta fresca, frutta secca e dressing salad, sì, delle meravigliose salse per insalate. La composizione dell’insalata, e relativi acquisti, viene da sé: insalata, qualche noce e Salsina, wow. Le salsine, a parte le più classiche, non sono molto di moda tra noi italiani, ma io ho avuto occasione di assaggiarle molte volte quando si mangia fuori Italia. Purtroppo è nato subito un amore 😉 quello per le salsine in generale, ma in particolare, per quella allo yogurt e, anche qui per non fare nomi e cognomi, per quella della Develey, che ho trovato in questo supermercato in quella posizione strategica che, per non smentirmi, attira la mia attenzione senza scampo anche per l’ennesimo fattore definitivo per l’acquisto: la gola. Lo shopping nel grande supermercato mi causa un sovraffaticamento perché l’occhio vaga sulle confezioni, sui colori, sulle forme, ma la fatica è dovuta soprattutto al combattere con la gola, con il “compro o non compro” anche senza sfogliare la margherita … e allora torno a casa sfinita, come “se avessi scaricato un TIR di pietre”, un po’ vincitrice per quei prodotti non necessari a cui sono riuscita a resistere, e un po’ sconfitta da quella bottiglietta con l’etichetta blu e una salsina bianca dentro che non vedo l’ora di mettere sulla mia “dietetica” insalata …

INGREDIENTI: (per 3 persone)
petto di pollo 6 fette abbastanza sottili
pane raffermo
9/10 fette
cuori di insalata iceberg
200 gr. ca.
uovo
1
salsa allo yogurt
4-5 cucchiai (dressing per insalata “Develey”)
succo di limone
1 cucchiaio
olio e.v.o.
250 ml. ca.
aceto
1 cucchiaio
sale fino
sale grosso
aglio
1 spicchio

PREPARAZIONE:

Tagliare il pane a dadini, poi soffriggerlo, senza rosolarlo troppo, in una padella con olio ed uno spicchio di aglio vestito. In un’altra padella mettere l’olio ed il sale grosso e cuocere le fette di petto di pollo. Preparare dei piatti con una base di insalata, olio e poco sale fino. Appena le fette di pollo sono pronte, tagliarle a dadini, nel frattempo in un mixer frullare l’ uovo, l’aceto, il limone, la salsa allo yogurt e aggiungere a filo 150/200 ml. di olio. Disporre i crostini di pane e i dadini di pollo sopra il letto d’insalata e irrorare bene con la salsina.

mdg_2

“The sauce” – Eminem

CONDIVIDI

SEGUICI

SCOPRI!!!

NON IMPEGNANO

GLI ANGIOLETTI

CERCA UNA RICETTA

Scrivi il titolo di una ricetta, completo o parziale per trovare quella che cerchi

Accedi

Registrati

* i campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori