angioletto che cucina m

accedi o registrati

 

Polvere d’arancia

polvere_d_arancia

Capirei se qualcuno di voi avesse esclamato “La scoperta dell’acqua calda!”, dopo aver letto la ricetta… In realtà non concordo del tutto, perché tutti coloro a cui ho parlato di questa polverina magica, e di cui poi hanno sperimentato i poteri 😉 sono rimasti molto piacevolmente sorpresi. Allora: fermo restando che l’idea proviene sempre da quel pozzo di scienza culinaria di Sigrid, dopo aver letto di questo ingrediente in una sua ricetta, sono corsa al supermercato a comprare quantità industriali di arance. Ho un rapporto strano con le arance: mi piacciono molto, ma faccio dei lunghi periodi in cui non mi ricordo neanche che esistano, ed altri in cui me ne faccio un’overdose. Questa volta è stata un’overdose finalizzata, più che altro per ottenere il fuori, più che per il dentro. Vi consiglierei però di farne una quantità ridotta, un barattolino con 3-4 arance perché dopo circa una settimana perderà il suo profumo fragrante e ne acquisterà un altro un po’ pungente, e allora è ora di rifarla. Se non avete fretta, basta stendere i pezzettini di buccia d’arancia sul termosifone, per un giorno, un giorno e mezzo e comunque farle seccare bene (eventualmente al forno). Poi le frullerete e setaccerete per avere questa che io chiamo “polvere di stelle”, perché ultimamente la sto mettendo dappertutto e magicamente arrivano gli ooohhh!! (sì, sì come i bambini nella canzone di Povia…). Nei dolci, sul gelato, sulle creme, nel tè e infusi vari, ma anche sulle carni, nell’insalata, sulle uova, e chi più ne ha…

INGREDIENTI:
arance molto profumate, non trattate

PREPARAZIONE:
Togliere la scorza delle arance con un pelapatate o un coltellino affilato in modo da ottenere solo la buccia, senza il bianco. Passare le scorze al forno caldo o stenderle su un termosifone caldo fino a quando non saranno molto secche. Spezzettatele e frullatele con un robot o anche con la base del frullatore (macinacaffè) finchè non diventerà una polvere molto sottile. Passatela con un colino a maglie fine per eliminare ulteriori pezzettini irregolari. Mettetela in un vasetto di vetro in luogo fresco e asciutto, si conserverà per una settimana circa. Usatela nella preparazione di dolci, per decorare creme, cioccolate, per profumare carni arrosto, nel tè e dove più preferite.

mdg_2

“Don’t know why” – Norah Jones

CONDIVIDI

SEGUICI

SCOPRI!!!

NON IMPEGNANO

GLI ANGIOLETTI

CERCA UNA RICETTA

Scrivi il titolo di una ricetta, completo o parziale per trovare quella che cerchi

Accedi

Registrati

* i campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori