Biscotti crepati al cioccolato (crinkles)

biscotti crepati - crinkles

Dopo lunghissima assenza su cui sorvolerò molto volentieri per non annoiarvi, anche se vi dico solo che da diversi mesi sto lavorando ad una bella novità per questo sito. Per il momento non vi anticipo niente, spero di non tardare molto a mostrarvelo finito, ma… “non dire gatto…” ecc. 

Intanto mi tuffo a bomba sulla ricetta di oggi. Da tanto tempo questi biscottini girano per il web e mi allettano molto per questo loro aspetto invitante e simpaticissimo dovuto alle loro “crepe” super-evidenti e originalissime. A mano a mano che ne trovavo una, l’accantonavo in attesa di concretizzare, e, finalmente, eccoli qua: biscotti screpolati o crinkles, loro nome originale. 

La versione che ho scelto è una delle più vicine a quella di provenienza, l’America e nella versione più gettonata, quella al cioccolato, quando poi questi biscotti possono essere anche al limone, versione red velvet e altri gusti, di cui vi parlerò a mano a mano che li sperimenterò. A me sono piaciuti talmente tanto che vorrei lasciare tutto per mettere su una pasticceria a tema, che fa solo questi biscotti… ma ho rimandato a quando avrò finito di provare tutta la gamma dei gusti possibili ed immaginabili… 

Un “paio” di indicazioni per farli come si deve: non abbiate paura che non vengano bene, non sono per niente difficili, ma non cuoceteli troppo altrimenti si seccano all’interno e perdono quel loro effetto “tartufo al cioccolato” che è veramente una libidine, una volta addentato il gusto esterno un po’ croccante e aver raggiunto l’interno morbido e umido.
Altro accorgimento è quello di lasciare l’impasto in frigo tutta la notte in quanto il cioccolato si rapprenderà molto, permettendovi di ottenere un panetto molto duro, che addirittura faticherete un po’ a staccare per ricavarne le palline. Questa però è anche la caratteristica che vi permetterà di fare delle palline che non si allargheranno e appiattiranno in cottura, ma manterranno una rotondità che gli darà il classico aspetto “wow” con relative “crinkles” in superficie che faranno ancor di più effetto glamour…
Il fatto di dover (preferibilmente) far riposare l’impasto per parecchie ore in frigo, io l’ho vissuto molto bene in quanto è possibile suddividere il lavoro in due parti e renderlo così più comodo a livello di gestione del tempo di realizzazione anche se in realtà è comunque piuttosto breve, specialmente per la cottura particolarmente rapida

La disposizione sulla teglia di cottura va mantenuta con le palline opportunamente distanziate per non farle attaccare tra di loro, visto che un po’ si gonfiano. Altri accorgimenti sono intuitivi perché vi accorgerete subito come manipolare questo impasto particolare, tipo che è meglio fare il tutto in velocità e magari ogni tanto bagnare le mani con l’acqua fresca per non far sciogliere il cioccolato nell’impasto, ma io non ne ho avuto bisogno, nonostante l’avessi messo in preventivo.
Più di tante altre ricette ve li raccomando: provateli perché ne vale la pena, farete un figurone con grandi e piccini con poco sforzo e tempo e otterrete dei biscocioccolatini buonissimi.
E cosa volete di più?

INGREDIENTI
cioccolato fondente 230 g
farina 00 200 g
zucchero 100 g
burro 60 g
uova grandi 2
bustina di vanillina 1
lievito per dolci 1 cucchiaino raso
sale 1 pizzico
zucchero a velo
zucchero semolato

PREPARAZIONE
Sciogliere a bagnomaria il cioccolato spezzettato col burro e far raffreddare.
Nel frattempo sbattere uova e zucchero con una frusta elettrica fino a quando non diventeranno chiare e spumose.
Incorporare il cioccolato fuso e amalgamare. In una ciotola setacciare la farina, il lievito, la vanillina e il sale e mischiare con una frusta a mano.
Aggiungere queste polveri al cioccolato fuso e amalgamare velocemente con una frusta elettrica o a mano o con un cucchiaio ma per pochissimo tempo. Compattare il composto in una ciotola e far riposare in frigo per tutta la notte.
Pre-riscaldare il forno ventilato a 160°, preparare un piatto con lo zucchero semolato e uno con lo zucchero a velo.
Ricavare dal composto delle palline di circa 3 cm. di diametro lavorandole a mano velocemente per non scioglierle. Rotolare ciascuna pallina prima nello zucchero semolato e poi in quello a velo, facendo aderire in particolare quest’ultimo fino a ricoprirle abbondantemente. Sistemare su una teglia ricoperta di carta forno piuttosto distanziate in quanto in cottura si avvicineranno. Cuocere per 8-9 minuti al massimo, altrimenti si asciugheranno troppo. Far raffreddare su una griglia.

condividi