Crostata alla crema e mele

crostata_alla_crema_e_mele

Immagino che qualcuno di voi un po’ più attento (e anche un po’ più criticone degli altri), potrebbe aver notato che dico sempre che non amo troppo le crostate e poi invece le faccio spesso. E certo! Non le amo io, ma i miei amici piranhas ogni tanto le reclamano. Una sera che eravamo a cena insieme, ho preso la ricetta della pasta frolla a zonzo per Internet, pressoché standard, e poi ho fatto delle varianti significative : mele e crema per ripieno. Per le mele una raccomandazione, anzi due: la prima è di non essere avari come lo sono stata io nella quantità, la seconda è quella di infilare le fettine un po’ sotto la crema, in modo che non si cuociano troppo com’ è successo a me, ma il mio forno cuoce più da una parte, e si vede qual è… Per la crema una “giustificazione” : non sono stata a fare la crema vera, quella con le uova. Ci sono due cose che mi piacciono più nella versione finta che in quella vera: la crema e la maionese, probabilmente ho qualche problema con le uova, quelle vere. Non ho fatto neanche la crema con la polvere all-inclusive, mi hanno fatto scoprire la crema che si fa a freddo nel frullatore… Ci ho messo un po’ meno latte di quello indicato ed è venuta anche bella soda. Perdòno, non lo faccio più! Non avevo tempo, giuro! Però era buonina…

INGREDIENTI:
(per la crostata)
farina
300 gr.
burro
150 gr.
tuorli
3
sale una presa
lievito per dolci 1 cucchiaino
acqua
3 cucchiai
(per la crema)
crema pasticcera in polvere
1 bustina
latte 250 cl.
(per il top)
mele golden delicious
3

PREPARAZIONE:
Mischiare il lievito alla farina, aggiungervi i tuorli sbattuti con l’acqua e il sale, il burro a temperatura ambiente e formare le “briciole”. Continuare velocemente ad impastare a mano (eventualmente lavare le mani in acqua fredda per non scaldare l’impasto) fino a formare una palla che avvolgerete con pellicola e lascerete riposare per una mezz’oretta in frigo. Nel frattempo preparate la crema pasticcera (finta) frullando il contenuto del preparato in busta con il latte a temperatura ambiente o appena intiepidito sul fuoco. Mettete il bicchiere del frullatore per 10 minuti o poco più in frigorifero. Sbucciate e tagliate le mele (belle gialle) a spicchi abbastanza sottili, ma non troppo e mettetele in fresco, coperte. Estraete impasto e crema dal frigo, stendete l’impasto sul fondo della teglia da 28-30 cm. di diametro, con una parte della pasta formate un cordolo tutt’intorno (anche in più pezzi che unirete premendo leggermente con le dita) e poi riempite l’interno spalmandovi la crema con una spatola. Distribuite le mele a cerchi concentrici, anche leggermente sovrapposte, volendo. Se poi avete abbastanza pazienza, ricavate delle strisce o rotolini di pasta da mettere sopra il tutto.
In realtà ci vuole più a scriverla che a farla, ‘sta ricetta…

mdg_2

“Una lunga storia d’amore” – Gino Paoli

condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *