Sbriciolata alla Nutella

sbriciolata-alla-nutella

Sento parlare della torta “sbrisolona”, alias “sbriciolona” o “sbriciolata”, da un sacco di tempo e mi ha sempre incuriosito la consistenza di questa pasta che si sgretola … e che, se ci riferiamo ad altre torte, in generale non è considerato un gran pregio, mentre per questa è un “must”. Un giorno sono capitata in un supermercato enorme, particolarmente rifornito di dolci e dolcetti e, come se non bastasse, in offerta super-speciale … Non ho nemmeno provato a combattere la vocina che mi diceva “Non ti curar di lor, ma guarda e passa …”. Sì, ciao, c’è già una santa col mio nome sul calendario, mica voglio usurparle spazio ed esclusiva …

Comincio ad affollare il carrello come se invece che “in offerta”, avessero scritto “più dolci mangiate e più dimagrite …” e il criterio principale era quello di scegliere quelli più originali, che non avevo mai assaggiato. E vai così con parecchie specialità dalle varie regioni italiane … Un piccolo strudel per il Trentino Alto Adige, un sacchettino di Cantucci toscani, una festosa e appiccicosa cicerchiata per le mie Marche, delle cascatelle siciliane che avevo i miei dubbi sarebbero arrivate tutte quante alla cassa … Poi vedo lei, in tutta la sua irregolarità e promessa di sciogliersi in bocca: la Sbrisolona, per la Lombardia (Mantova in particolare). Era piccolina, carina … proprio adatta per chi, come me, aveva un interesse “professionale” e avesse quindi la necessità di testarne la bontà (spero di aver convinto qualcuno, ma non ci spererei …). Arrivo alla cassa col mio carico prezioso e guardo di sottecchi la cassiera aspettandomi di vederla sorridere sotto i baffi … Riesce a star seria, anche se guardandola bene mi sembra di aver visto un angolino della bocca leggermente all’insù. Sarà stato il mio senso di colpa, subito messo a tacere, che me lo ha fatto vedere anche se magari non c’era!

sbriciolata alla nutellaTorno a casa fischiettando, anche se realizzo che forse con il resto della spesa non riesco neanche a mettere insieme una cena decente, tanto ero presa a comprar dolcetti … Mangio un panino e due foglie di insalata, pregustando già l’indecisione che avrei avuto di lì a poco per scegliere su quale dolcetto fiondarmi, oops … Mi riduco a far dei bigliettini per tirare a sorte, non riuscendo a decidere in autonomia … And the winner is: la Sbrisolona, yuppie! Cerco un coltello da affondare nel dolce, ma poi realizzo che proprio questo dolce non va tagliato, ma spezzato a mano. Procedo come tradizione vuole: il sapore è ottimo, la sbriciolevolezza (passatemi il termine poco ortodosso) uno spettacolo, prima si mangia la parte spezzata, poi le briciole, poi si riprende un altro pezzo e poi di nuovo le briciole, insomma un po’ “Pinocchio-e-la-pera” style …

Bella scelta ‘sta sbriciolata e soprattutto bell’occhio clinico, visto che erano anni che ero sicura fosse buonissima. Alla prima cena che si è presentata, ho colto l’occasione per riprodurre la torta e direi proprio che è andata benissimo, dolce da riproporre con versioni di ripieni diversi (marmellata, crema, ricotta e cioccolato ecc.). Una bella raccomandazione: sia che usiate un robot per l’impasto, sia che impastiate a mano, non esagerate a ridurlo in una polvere troppo fine, ma dovrà essere irregolare, come tante briciolone …

Ingredienti:
400 gr. farina “00”
150 gr. zucchero
100 gr. burro
1 uovo
2 tuorli
1 bustina lievito per dolci

per la farcia:
400 – 500 gr. Nutella

Preparazione:
Ammorbidire la Nutella immergendo il barattolo in un pentolino con acqua ben calda e girarla con un cucchiaio di legno. Inserire tutti gli ingredienti in un robot o impastarli a mano per qualche minuto, fino a quando il composto diventerà come tante grosse briciole, non deve essere omogeneo. Distribuire metà composto in una teglia per crostate da 24/26 cm. compattandolo leggermente e cospargere di Nutella fino a un centimetro dal bordo. Coprire con il restante impasto e infornare in forno preriscaldato a 180° (160° se in forno elettrico) per 30 minuti circa. Far raffreddare completamente, spezzare a mano e servire.

condividi