Cascione romagnolo

cascione_romagnolo

Già vi sento… Sì, con i superpoteri …  sono o non sono un angioletto? Vi sento che state dicendo che c’è una freccia bianca in mezzo alla foto della ricetta. L’avevo vista, grazie lo stesso, ma ce l’ho messa io… Del resto ve l’ho detto più di una volta che ho degli amici piranhas, e questi sono i risultati. OK, comincio dall’inizio. Lucia ha fatto una delle sue cene pantagrueliche, chissà com’è, quando Lucia invita, tutti si liberano da tutti gli impegni, anche i più irrinunciabili… Solita tavola imbanditissima … soliti amici ottime forchette. Lucia mi aveva già avvertito di portare la macchina fotografica ed io non mi ero fatta pregare, sulla porta non l’ho quasi neanche salutata, che già avevo sguainato l’arma e mi ero fiondata in cucina a pre-fotografare quanto aveva preparato.
Di “materiale per il blog” ce n’era davvero tanto e io impazzivo, scattando dappertutto… Inizia la cena e io continuo a fotografare. Arrivano delle ciotole con cascioni e pizzette (v.foto, grunf!) e, ridendo e scherzando (neanche tanto…) spariscono in un attimo e,vi assicuro, Lucia cucina dosi esagerate quando i suoi amichetti le invadono la casa. Riesco a scattare un paio di foto al volo e poi mi decido a mangiare anch’io, prima che sia troppo tardi… Mi distraggo, i cascioni erano buonissimi, le pizzette altrettanto. Insomma, tutto ciò per dirvi che tra oggi e domani vi proporrò la ricetta dei cascioni romagnoli (quelli sotto la freccia) e la ricetta delle pizzette (quelle sopra la freccia): purtroppo nel parapiglia non mi sono accorta di non aver fatto due foto divise, ma che ci volete fa’: quando cucina Lucia ci si dimentica del resto…

p.s. come noterete i cascioni sono delle piadine chiuse ripiene di erbe, vi ho per comodità riportato ingredienti e preparazione delle piadine, già riportati in questo articolo.

INGREDIENTI: (per 6 piadine)
(per la pasta) v.ricetta della piadina romagnola
farina 0
550 gr.
acqua
q.b.
strutto
100 gr. (oppure 50 gr. di strutto + 50 gr. di olio evo)
sale fino
1 cucchiaio da tavola
miele 1 cucchiaino (facoltativo)

(per il ripieno)
verdura mista (erba di campo, bietole ecc.) 150 gr. per cascione
olio
aglio
2 spicchi
sale

 

PREPARAZIONE:
(per la pasta)
Scaldare l’acqua senza farla bollire. Disporre la farina a fontana sulla spianatoia ed aggiungere lo strutto, il sale, il miele, se volete una piadina più morbida, e l’acqua caldissima. Impastare con una forchetta per non bruciarsi e poi lavorare l’impasto ottenuto molto bene a mano. Dividerlo in sei parti, lasciar riposare coperto per 15 minuti e poi stendere le 6 piadine.

(per il ripieno)
Soffriggere le verdure con poco olio, aglio e sale e lasciarle raffreddare. Disporre su metà di ogni piadina le verdure, sovrapporre  e chiudere bene i bordi. Cuocere alcuni minuti per parte su una piastra di ghisa o una padella antiaderente ben calde, muovendo di continuo il cascione per non bruciarlo e cuocerlo brevemente anche dove è stato piegato.

mdg_2
“La musica solare” – Raoul Casadei

condividi

3 thoughts on “Cascione romagnolo

  1. Sììììììììììììì…i cascioni della Lucia!!!Tutto vero, quando Lucia invita, non ci sono impegni che tengano. Infatti vengono percorsi anche molti chilometri pur di esserci…Grazie Lucia di esistere…e non solo per i cascioni.

  2. NOOOOOO…troppo belli, troppo buoni, troppo tutto ma, adesso mi ci metto anch’io!Ricetta chiara, anzi chiarissssssima devo provarla!Subito.Domani sara’ venerdi’ e sabato avro’ i miei cuccioli percio’ questa ottima novita’ la devo proprio proporre!Baci e ti faro’ sapere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *