Crescenta

crescenta

Come tutte le ricette piuttosto semplici o molto caratteristiche, le versioni che circolano, con relative varianti, sono tantissime. In foto la realizzazione di una crescenta (o crescente, nel vero senso della parola, nel senso che cresce, lievita …) di origine bolognese, gentilmente fornita dall’amica Susanna, bolognese d’adozione, se così si può dire … che, insieme alla ricetta, mi ha dato anche un “campione” abbondante della realizzazione, altrimenti non gliel’avrei pubblicata … (si chiama ricatto????). Diciamo che una delle varianti più “variate” (!!!) è l’olio: in questa che è fondamentalmente una focaccia, una crescia, un pane condito, l’olio è stato parzialmente sostituito dal latte che le conferisce una consistenza soffice e che non le permette di seccarsi, visto il poco contenuto di olio all’interno, oltre ad una spennellata all’ esterno.

In altre versioni l’olio c’è, ed anche molto abbondante ed il latte è assente, ma ricordiamoci che l’estate è appena iniziata ufficialmente e che, se ancora non avete pensato che al mare non si può andare con il cappotto, questa versione la teniamo sicuramente fino a settembre, poi magari ad ottobre mettiamo in cantiere una versione più invernale …

INGREDIENTI:
farina 00
450 gr.
latte
200 ml.
acqua
60 ml.
zucchero
3 cucchiaini
sale fino
2 cucchiaini
lievito di birra
13 gr.
olio evo
2 cucchiai
sale grosso

per l’emulsione:
acqua 3 cucchiai
olio 1 cucchiaio

PREPARAZIONE:
Nella macchina del pane inserire la farina, aggiungere metà quantità di acqua e latte tiepidi in cui vanno sciolti zucchero e sale e far cominciare il programma per l’impasto e la lievitazione.  Sciogliere il lievito nell’altra metà dei liquidi e aggiungere al resto, quindi aggiungere l’olio, sempre con la macchina in movimento. Far lievitare circa 2 ore, anche se la macchina è programmata per un tempo minore, sistemare in una teglia, preferibilmente rettangolare, ricoperta di carta forno senza schiacciarla troppo, mettere sopra un foglio di pellicola trasparente, quindi uno strofinaccio e mettere a lievitare per un’altra ora in un ambiente caldo, al riparo da correnti d’aria. Togliere la pellicola, spennellare con un’emulsione di acqua e olio, spargere un po’ di sale grosso in superficie ed infornare in forno preriscaldato a 180° C per circa mezz’ora, fino a quando sarà leggermente dorata.

mdg_2

“Spiagge” – Renato Zero

condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *