Pane nero ai 7 cereali

… con semi di sesamo e girasole. C’è una farina particolare, anzi una miscela sapiente di farine e di semi, che tenta un po’ tutte noi che abbiamo un blog di cucina per poter pubblicare la foto di un pane scenografico, ma, anche se si possiede una semplice macchina per il pane o un po’ di buona volontà (= buone braccia per impastare), viene sicuramente voglia di provare cosa possa venirne fuori. Andando al mio supermercato preferito, mi fermo sempre davanti al reparto farine, dolci & Co., ma ne provo un po’ alla volta (ce ne sono un’infinità!): fino adesso avevo resistito, ma poi ho comprato anche questa. Quella che oggi viene chiamata in maniera altisonante “pubblicità virale”, ma che in realtà è solamente il vecchio passaparola, “lievitato” (!) e che usa anche tutti i nuovi mezzi, è forse il metodo migliore per parlare “tra noi consumatori” obiettivamente di un prodotto con tutti i pro e i contro non dettati da interessi di parte. Sono molti i siti dove trovate questa ricetta pari-pari, visto che è quella riportata sul pacco della farina, ma ognuna di noi vi riporta la sua esperienza, i vari passaggi prima di arrivare alla meta…

Quando si parla di lievitati, di pane, di impasti, le esperienze sono sempre “uniche”, perché ci sono molti elementi che influiscono sul risultato ed in realtà, non c’è mai una panificazione uguale alle altre! Soprattutto non c’è mai la certezza che tutto vada a buon fine, e spesso ci si ritrova con gli occhi fissi sull’oblò della macchina per il pane o davanti al forno, pregando che quella massa meravigliosa che si è magicamente gonfiata, non scenda clamorosamente giù! La mia esperienza: ho usato la mdp, preparazione supersemplice come vedete nella ricetta qui sotto, tempi biblici per il programma del pane integrale: 3 ore e mezzo tra impasto, lievitazione e cottura. L’impasto è lievitato tanto, fino a raggiungere il bordo del cestello e farmi temere il peggio, poi è cominciata la cottura, che avrei preferito fare in forno, ma è sconsigliato il forno ventilato, quindi ciccia … Poco dopo è cominciato a scendere, e io a sudare … Al termine della cottura aveva avuto un calo “fisiologico” (che avevo notato un po’ in generale, tranne nel sito del produttore della farina…) ma il panetto era comunque bello. L’ho tenuto un’altra decina di minuti dentro la macchina, l’ho messo a raffreddare su una griglia et voilà, questo è il risultato!
Sapore b-u-o-n-i-s-s-i-m-o: crosta croccante e friabile e interno morbido e ben lievitato!

INGREDIENTI:
farina per pane nero ai 7 cereali
500 gr.
olio extravergine d’oliva 2 cucchiai
acqua 280 gr.
lievito secco 1 bustina

PREPARAZIONE:
Nella macchina del pane inserire la farina, l’olio e il lievito. Far cominciare il programma per il pane integrale ed inserire a filo l’acqua tiepida fino ad esaurimento. Chiudere il coperchio della macchina e far finire di impastare, lievitare e cuocere il pane. Il programma per il pane integrale è molto lungo, intorno alle tre ore e mezzo.

mdg_2

“Black Jack” – Baciotti

condividi

One thought on “Pane nero ai 7 cereali

  1. Se non ho la macchina per il pane il procedimento come dobrebbe essere? Sono proprio inesperta di cucina e scusa se ti chiederò di tanto in tanto dei consigli o delle spiegazioni. Questa del pane con farina di cereali è un’ottima idea. Ciao e grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *