Carbonara al forno

carbonara_al_forno

Non è che qualcuno di voi si è scandalizzato già dal titolo della ricetta? Dite che è un po’ blasfemo pensare ad una carbonara cotta in forno, visto che è una ricetta così diffusa, così buona già come si dovrebbe fare, che pensare ad una variante così radicale vi sconvolge tutti i valori???? Calma, perbacco, siamo ancora al titolo!!! Allora, vi spiego meglio. Ieri all’ora di pranzo ho deciso che mi meritavo un bel piatto di pasta, visto che ultimamente, per una serie di motivi legati a orari non canonici per un pranzo ortodosso (non parlo di religione…) sto mangiando raramente la pastasciutta. Resisto, resisto, ma, dopo un po’ mi prende una crisi d’astinenza e quindi era ora di una bella dose di carboidrati… Non avevo grosse esigenze, purchè fosse pasta, ma, dando un’occhiata al frigo e alla dispensa, metto insieme una serie di ingredienti che mi portano in un’unica direzione: carbonara!!!!!! Yuhuuuuu!!!!! Un pacco aperto di bucatini decide il formato di pasta da usare, delle uova di prossima scadenza, una vaschettina di pancetta e una busta di parmigiano grattugiato pronto all’uso, definiscono il condimento. Se era destino, che vada così … Comincio a preparare il tutto fischiettando: pasta=felicità!  Dott.Sears (dieta a zona) prrrrrrrrr… La pancetta comincia a sfriggere nella padella, l’acqua è sul fuoco, the book is on the table, no, quella è un’altra storia… Quando è ora di buttare la pasta ne prendo un tot dal pacco, senza tanto sottilizzare, anzi aggiungo anche altri 10 bucatini, fondamentali, perché mi sembrava di averne messi pochini… Ogni cosa è al suo posto, sbatto le uova col parmigiano, sale e pepe ecc.

Insomma, alla fine ottengo una bella ciotolona di bucatini alla carbonara. Urk! A meno che non mi affacci al terrazzo e inviti a pranzo il primo che passa sotto casa, vedo che ho decisamente esagerato nelle quantità, ma, come Rossella O’Hara “… ci penserò domani…”, o meglio, quando avrò mangiato una quantità “umana” di pasta fumante. Buona era buona, sississi, i bucatini mi piacciono proprio, il condimento slurp, l’astinenza c’era e mi ha fatto aumentare il piacere di un buon primo piatto. Una volta ripresami da questo piacere della vita, noto con disappunto la quantità non indifferente in rimanenza. Mumble mumble, gli ingranaggi del mio cervello lavorano ad una soluzione affinchè tanto ben-di-Dio non vada sprecato. Ed ecco qua: ho messo in frigo la ciotola e oggi all’ora di pranzo ho ritirato fuori il tutto, ho fatto una cremina di latte e parmigiano l’ho messa sopra alla pasta che avevo sistemato in una cocottina e … voilà! Carbonara al forno, gratinata, croccantina e più libidinosa che mai!!! Però adesso basta carboidrati per un po’ di giorni, per quanto mi riguarda, sigh!

INGREDIENTI: (per 4 persone)
Carbonara:
bucatini
320 gr.
pancetta affumicata a dadini
200 gr.
uova
4 tuorli + 1 intero
parmigiano reggiano grattugiato (o pecorino)
100 gr.
sale
pepe

Carbonara al forno:
latte
parmigiano grattugiato
sale
pepe

PREPARAZIONE:
Carbonara:
In una padella antiaderente calda mettere ad ammorbidire la pancetta e spegnere. Mettere le uova in una ciotola, sbatterle con una forchetta ed incorporare il formaggio, sale e pepe fino a formare una cremina e quindi unire la pancetta. Scolare bene la pasta, versarla nella ciotola del condimento, girare bene velocemente per non far “cuocere” le uova. Servire con altro parmigiano e pepe macinato fresco.

Carbonara al forno:
Disporre i bucatini un una cocotte o teglia da forno ricoperta di carta forno. In una ciotola mescolare bene il latte con il parmigiano, il sale e il pepe. Versare la “cremina” sui bucatini ed infornare in forno ben caldo per qualche minuto, fino a doratura desiderata.

mdg_2

“Bacon and eggs” – Priscilla Renea

4 thoughts on “Carbonara al forno

  1. Ciao simpaticona, la tua carbonara mi ha fatto ridere, comunque consolati sono anch’io una che non spreca niente e che si abbuffa di tutto. Ne approfitto per farti gli auguri di Buona Pasqua e spero di vederti presto. Ciao, bacio

    1. @ franca
      la pasta ripassata al forno non la mangio mai, ma devo dire che è molto buona in generale e nel caso specifico. Buona Pasqua a te e famiglia! Sarete in zona?

  2. wow! La proverò sicuramente.
    Non mi stanco mai di leggere i prologhi alle ricette, delle vere chicche, veri e propri “racconti brevi” di tema culinario, e devo dirti che ho sorriso tra me e me riconoscendo il “mumble mumble” di Paperon de Paperoni hihihi.
    Sei davvero mitica.

    1. Ciao Luca, sei sempre carino. Devo dire che è andata proprio così, compreso il momento “mumble mumble” rubato a Paperone …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *