Gramigna verde con salsiccia

gramigna_verde_con_salsiccia

Quella santa donna di mia madre, che pazienza! 😉 Quando invita figlie, nipote e compagnia bella, fa anche un piccolo sondaggio di opinione su quali potrebbero essere i piatti più graditi per un buon pranzo all together. Non pensa mai a cosa sta andando incontro! C’è qualcuno che adora i primi piatti, chi non gliene può fregà dde meno, chi “per carità il formaggio di qualsiasi tipo!”, chi “pochi grassi innanzi tutto”, chi … Per amor di pace, cerca di accontentare quanti più commensali possibile, ma questa volta le più contente siamo state io e … lei, vi spiego perché. La mamma è stata contenta perché questo piatto ha comunque accontentato praticamente la totalità della tavolata e ha richiesto poco sforzo, l’idea poi le è stata data da me che, sollecitata dal solito sondaggio pre-pranzo (con tanto di exit-polls!!!!) mi sono sforzata di pensare a qualcosa di “universale”, veloce, gustoso e nuovo (nuovo nel senso che non avessi già pubblicato sul blog, eh eh eh!!). Anni fa c’è stato un lungo periodo in cui mangiavo spesso questo primo piatto perché lo facevamo in occasione delle frequenti cene a casa di amici, quando gli amici erano tanti, le forchette erano “buone” e voglia di cucinare tutto il pomeriggio non ce n’era. E allora vai con la gramigna verde, in modo che, mentre la pasta cuoceva, qualcuno si occupava di fare il sughino di salsiccia, veloce e libidinoso. Con la mamma però c’è stato un piccolo problema logistico, subito risolto. La pasta: capita che fossi in un grandissimo supermercato della mia città, vado nel reparto pasta. Una montagna di formati da far girar la testa! Gramigna, gramigna, mumble mumble… Trovata! Urka, ma è bianca! Sbagliato candeggio? Proseguo il giro tra gli scaffali, trovata anche di altre marche, ma è tutta bianca! Uffa! Ne prendo un paio di confezioni, ma non sono soddisfatta per niente.

Torno dalla mamma, anche lei sconfitta perché non ha trovato la gramigna verde nel suo piccolo supermercato di zona. Facciamo la gramigna bianca, buonina, il nipote non fa i salti mortali, ma non disdegna…

gramigna_bianca_con_salsiccia

Non mi arrendo: sguinzaglio la sorella, frequenta altri supermercati, chissà non abbia più fortuna! Trovata, è lei! Non la stessa marca, questa è della De Cecco, pacco rigido, quella che ricordavo io era una busta trasparente, pasta Corticella di Bologna, ma va bene, tutt’e due agli spinaci, quasi equivalenti, la Corticella me la ricordavo più saporita… Facciamo fare una piccola, previdente scorta alla sorella “fortunata”. All’invito successivo non c’è stato bisogno di fare il sondaggio, era scontato che si andava alla prova del nove. Devo dire che stavolta il nipote ha fatto il bis e io ho fatto un po’ la ruota per aver riscoperto questo piatto solo un po’ dimenticato, ma buonissimo!

INGREDIENTI: (per 4 persone)
gramigna verde 360 gr.
salsicce grosse 4
panna da cucina 1 vasetto da 125 gr.
salsa di pomodoro ½ bicchiere
olio e.v.o
scalogno ½
parmigiano reggiano grattugiato una spolverata

PREPARAZIONE:
In una capiente padella antiaderente con poco olio caldo, fare imbiondire lo scalogno tagliato grossolanamente, aggiungere la salsiccia spellata e spezzettata e far cuocere. Aggiungere la salsa di pomodoro e far rapprendere. Spegnere il fuoco, versare la panna nel sugo e amalgamare. Cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolare bene e versare nella padella con il sugo. Spolverare di parmigiano e mescolare bene. Servire caldissima.

mdg_2
“Prelude to fear” – Sausage

condividi

6 thoughts on “Gramigna verde con salsiccia

  1. E se nel sugo di salsiccia ci aggiungi delle carote a fette e un bicchierino di brandy, poi mi racconti!!!

    1. @ beatrice
      sul bicchierino di brandy sono d’accordissimo, le carote le vedo abbastanza ininfluenti…

  2. Sono invece buonissime, in quanto stemperano il sapore “salato” dato dalla salsiccia con il loro sapore dolciastro….

  3. Ciao, la programmo per i prossimi giorni, se elimino la panna come verra? Ti faro’ sapere… un bacione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *