Pizzoccheri della Valtellina

pizzoccheri_della_valtellin

Stamattina alle 9.30 intervista a Radio Fano per presentare il blog, l’origine, come procederà e tutto quanto il resto. Emozionata? Sì, anche se ho trasmesso per 8 anni in quella stessa radio, i primi anni delle radio private, bellissimo: la musica era il mio habitat. La cuffia l’avevo però appesa al chiodo da tanto tempo, per cui ritrovarmi con un microfono davanti, non è più così “naturale”… Ok, mi faccio registrare e poi ve la proporrò qui… brrrrrrr! Come? La ricetta? Che ricetta? Ehm, sì, arriva. Diciamo pure che questo piatto è la sagra dei piatti invernalissimi… Io l’ho mangiato poche volte, ma è una coccola gigante! Carboidrati superstar e amido, una libidine continua, un piatto unico, non si può mangiar altro dopo… A parte le origini valtellinesi, lo vedo proprio come piatto da servire nei rifugi in montagna dopo una giornata passata sugli sci, quando le calorie sono state bruciate preventivamente.

In questa ricetta è prevista una variante rispetto alla verza, classico ingrediente del piatto, gli spinaci surgelati. Utilizzateli pure se non avete una verza disponibile (e se non avete voglia di sentirne l’odore per casa, anche se, cuocendo insieme alle patate, è nettamente sdrammatizzato) ma la verza si sposa benissimo al resto del piatto. Nella mia zona è nevicato: metto un paio di sci, faccio finta di aver sciato tutto il giorno, entro in casa che, con un po’ di fantasia, sembra una baita (è una mansarda con parquet e parecchio legno…) e mi concedo un bel piatto di pizzoccheri!

INGREDIENTI: (per 4 persone)
patate 300 gr.
verza 1 media o spinaci surgelati 8 cubelli
formaggio casera 200 gr.
parmigiano grattugiato 100 gr.
aglio 3 spicchi
salvia 2 foglie
pizzoccheri 300 gr.
sale grosso
burro

PREPARAZIONE:
Sbucciare, sciacquare e tagliare grossolanamente le patate, tuffarle in abbondante acqua insieme alla verza tagliata a striscette (se usate gli spinaci surgelati, aggiungeteli dopo 15 minuti da quando avrete inserito i pizzoccheri). Portare a bollore, salare con sale grosso e versare anche i pizzoccheri rimestando o aggiungendo un filo d’olio per non fare incollare la pasta. In un tegamino scaldare il burro con la salvia e gli spicchi d’aglio, sbucciati e schiacciati. Tagliare il formaggio casera a cubetti non troppo piccoli e stenderne uno strato nella pirofila che conterrà i pizzoccheri. Scolare la pasta con un mestolo forato a cottura avvenuta (circa 20 minuti, v.istruzioni sulla confezione) depositandola sui cubi di casera, spolverare con parmigiano e versare il burro fuso. Ripetere gli strati a mano a mano che si scolano i pizzoccheri e concludere con casera, parmigiano e burro. Lasciar riposare qualche minuto affinchè il formaggio inizi a fondere, e rimescolare il tutto da sotto a sopra. Regolare di sale e servire caldissimi.

mdg_2

“A change is gonna come” – Seal

condividi

One thought on “Pizzoccheri della Valtellina

  1. E’ nevicato tantissimo davvero in quel di Fidenza, questa mattina ci sono circa 10 cm di neve: direi che i pizzoccheri sono proprio da fare. Baci “gelidi”Laura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *