Verza con patate

verza_con_patate

Oggi tutti buonini, capo basso e, almeno per un giorno, facciamo i bravi e mangiamo qualcosa di sano e, soprattutto, niente carne… Un contorno molto buono che ci fornisce un tot di vitamina C e di vitamina K, grazie alla verza (vi rimando a siti specializzati per documentarvi meglio sulle sue virtù  e su quelle delle due vitamine, specialmente la K, meno conosciuta). La verza, un cavolo tutte-foglie grinzose e delle varianti del colore verde, bello da vedersi e molto adatto ad accompagnare dei piatti invernali di carne, viene qui abbinata e cotta insieme alle patate. L’unione è veramente ben riuscita, anche se io consiglierei ai veri appassionati del sapore della verza di non eccedere nella proporzione, nel senso di mettere una quantità moderata di patate, in quanto nella cottura assorbono il sapore della verza, togliendole un po’ di carattere…

Del resto dalle mie parti c’è un po’ quest’usanza di unire le patate ad altre verdure, tipo i fagiolini, ma, per la verza, penso che l’origine del connubio sia molto meno “romantica” di quanto si possa pensare. Conoscete tutti la pu…, volevo dire, l’odore caratteristico della verza e di tutti suoi parenti cavoli, più o meno prossimi, quando bollono in pentola? Ecco è quello stesso odore che si sparge per tutta la casa facendovi passar la voglia di cucinarla, ma, una volta nel piatto pronta da mangiare si dimentica, sempre che abbiate spalancato la finestra… Quello che penso è che in realtà si siano abbinate le patate per un motivo molto più terra a terra: da sempre aggiungere una patata in cotture così “odorose” è un ottimo metodo per dissipare odori e smorzare sapori troppo forti…

INGREDIENTI:
cavolo verza 1 medio
patate 3 medie
aglio 2 spicchi
olio
sale e pepe

PREPARAZIONE:
Scartare le foglie più esterne della verza, tagliarla a pezzi e lavarla bene. Sbucciare e tagliare a pezzi non troppo piccoli le patate. Far bollire in una pentola abbondante acqua leggermente salata e versarvi la verza e le patate quando sarà in piena ebollizione. Assaggiare entrambe per il grado di cottura desiderato. A cottura ultimata, scolare e strizzare bene la verza, soffriggere leggermente l’aglio nell’olio, versarla nella padella insieme alle patate, aggiustare di sale e pepe e lasciar insaporire per 2 – 3 minuti. Servire calda.

mdg_2

“Green Day” – 21 guns

condividi

8 thoughts on “Verza con patate

  1. Grazie Kris, ottima idea per sfruttare la verza e mi piace molto l’idea anti pu…odorino peculiare ma odiosamente persistente!Mi piace tantissimo la verza e coniugarla con la patata,come hai suggerito,credo che me la renda ancora piu’ appetibile!Ciaooo

  2. Per i milanesi dire verza è dire CASOEULA, sai che cos’è?????è un po’ complicata per cui la programmo solo per alcuni amici una volta ogni inverno (inverno perchè la verza deve gelare per essere buona) ma la tua ricetta mi ispira molto per cui la proverò appena possibile. Grazie e ciao.

    1. @ franca
      So cos’è la casoeula, ma non ho mai avuto il piacere di assaggiarla. Quest’anno la verza è molto buona, con il freddo che ha fatto! Vai con la casoeula!

  3. Buongiorno a tutti gli amici della verza , proponevo una variante alla versione sopra citata ,e cioè: invece di far bollire prima la verza e patate e poi scolare e soffriggere, direi di mettere tutto insieme in padella con olio aglio e sale a piacere una sventagliata di pepe e far cuocere tutto insieme,cuocete a fuoco lentissimo magari aggingendo un pochettino di acqua preoccupatevi di tenere un coperchio sulla padella regolatevi sul grado di cottura assaggiando.Buon appetito e soprattutto buona verza a tutti.

    1. @ diego
      ben arrivato e grazie del consiglio! immagino che così la verza mantenga tutto il suo ottimo sapore e, con l’arrivo dei primi freddi, si avvicina sempre di più il tempo in cui la verza sarà buonissima. se hai altri buoni consigli, li accetto molto volentieri e saranno subito a disposizione di tutti i frequentatori del blog. ti aspetto di nuovo e diventa fan anche della pagina Facebook cliccando sul box a sinistra. grazie, ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *